Ricezione di antibiotici durante l'allattamento

Durante l'allattamento, le donne non sono raccomandate a prendere la maggior parte dei farmaci. Innanzitutto, ciò è dovuto al fatto che non sono stati effettuati gli studi necessari per questa categoria di pazienti. Inoltre, tutti i farmaci assunti dalla madre penetrano nel corpo del bambino, causando spesso effetti collaterali indesiderati. Anche gli antibiotici per l'allattamento al seno, nella maggior parte dei casi, non sono raccomandati per l'ammissione alla madre.

Il grado di effetto avverso del farmaco sul corpo del bambino è determinato da molti fattori. I principali sono: tossicità

  • del farmaco;
  • la quantità di farmaco che entra nel corpo del bambino;
  • presenta l'impatto dei fondi sugli organi in via di sviluppo del bambino;
  • la durata dell'escrezione del farmaco dal corpo del bambino;
  • durata della madre che allatta;
  • suscettibilità individuale del bambino a questo prodotto;Rischio
  • di reazioni allergiche.

Gli antibiotici più comunemente usati non si riferiscono a far

maci molto tossici che hanno un effetto grave sulla madre e sul bambino.

Antibiotici autorizzati per l'allattamento al seno

I moderni farmaci offrono antibiotici per l'allattamento al seno che penetrano nel latte materno a concentrazioni molto basse. Questi sono farmaci antibatterici che appartengono ai seguenti gruppi:

- penicilline - Penicillina, Ampiox, Amoxicillina, Amoxiclav, Ampicillina;

- aminoglicosidi - Gentamicina, Netromicina;

- cefalosporine - Ceftriaxone, Cefotaxime, Cefazolin.

Questi farmaci hanno una bassa tossicità per il bambino.

Gli antibiotici, che appartengono al gruppo macrolidico, possono essere utilizzati durante l'allattamento. Questi farmaci hanno la capacità di penetrare nel latte materno, ma sono considerati di bassa tossicità per un bambino che allatta al seno. Gli antibiotici Macrobend includono Macroben, Sumamed, Erythromycin. Ma quando ricevono una madre, c'è una possibilità che il bambino sviluppi complicazioni indesiderate. Il più delle volte si possono verificare reazioni allergiche, diarrea, violazione della normale microflora dello stomaco e dell'intestino( disbatteriosi), riproduzione dell'infezione fungina( mughetto).Se il bambino sviluppa una reazione allergica, la madre deve interrompere l'assunzione del farmaco antibatterico o interrompere temporaneamente l'allattamento al seno. Al fine di prevenire la disbiosi in un bambino, gli vengono prescritti i probiotici( Lineks, Bifidum Bacterin).

Prendendo gli antibiotici durante l'allattamento, la madre dovrebbe cercare di minimizzare il rischio di effetti collaterali del farmaco nel bambino. Per questo, è necessario assumere il farmaco durante l'alimentazione del bambino o immediatamente dopo la fine dell'alimentazione. Poiché la concentrazione di antibiotico nel latte materno raggiunge il massimo quasi immediatamente dopo la sua somministrazione, diminuirà significativamente fino al ricevimento successivo.

Antibiotici proibiti nell'allattamento al seno

Molti antibiotici per l Esiste un gruppo abbastanza ampio di farmaci antibatterici che non possono essere assunti categoricamente dalle madri che allattano.

In nessun caso deve essere assunto con antibiotici per l'allattamento al seno dei seguenti nomi.

1. Le tetracicline - causano ritardo di crescita del bambino, displasia dei denti e delle ossa, hanno un effetto negativo sul fegato.

2. Nitroimidozal( Tinidazole, Metronidazole) - può causare diarrea nel bambino, vomito.

3. Silanilamidy - Promuovere lo sviluppo di sanguinamento gastrointestinale in un bambino, danni al midollo osseo, avere un impatto negativo sul sistema cardiovascolare.

4.Levomitsitin - può causare danni tossici al midollo osseo di un neonato.

5. Clindamicina: a volte causa sanguinamento gastrointestinale del bambino.

Nel caso in cui la madre che allatta debba sottoporsi a trattamento con farmaci antibatterici controindicati nell'allattamento al seno, è necessario interrompere temporaneamente l'allattamento al seno. Di solito la durata del corso di terapia è di 7-10 giorni. Durante questo periodo, la madre deve esprimere il latte in modo che l'allattamento non si fermi. Dopo questo, puoi continuare ad allattare il tuo bambino.

Gli antibiotici per l'allattamento al seno possono essere abbastanza pericolosi per la salute di un bambino. Pertanto, la madre deve, insieme al medico, scegliere il farmaco più sicuro. Solo uno specialista esperto può prescrivere una terapia che sia sicura per la mamma e il suo bambino.